La famiglia dopo la separazione

 
La separazione dei genitori è un esperienza sempre più frequente nelle famiglie e i vissuti di perdita, allontanamento, sconfitta che la contraddistinguono necessitano una elaborazione attenta e costante. Ogni componente del nucleo familiare è fortemente esposto alle ripercussioni psicologiche e relazionali prodotte da una coppia che si separa. Sono in particolare gli adulti che rischiano di aggiungere alle sofferenze dei figli i loro carichi emotivi e conflittuali. Spesso infatti gli attriti non si risolvono né spariscono con la decisione di separarsi anzi, la allontanamento della coppia genitoriale può cristallizzare le problematicità rendendole ancora più potenti e sottili. Molte famiglie parlano così di un passaggio da una guerra aperta ad una guerra fredda. Dagli scontri espliciti si può passare a manovre sofisticate dove i figli possono assolvere a ruoli diversi e ma ugualmente disfunzionali.
Se una coppia non si è potuta adeguatamente e compiutamente separata sono proprio i più piccoli ad essere reclutati all interno della relazione adulta come parafulmini, alleati o rinnegati. In questo senso i meccanismi di triangolazione agiti dai genitori nei confronti della prole si declinano in una infinità di comportamenti e comunicazioni tesi a richiamare i figli verso la propria posizione o contro la posizione altrui. Non sempre genitori e figli sono consapevoli della portata e della frequenza di tutto questo, nella pratica clinica è piuttosto facile incontrare famiglie che hanno agito e subito tali schemi relazionali per anni e che cercano sostegno solo quando il disagio si è trasformato in sintomo.
Il genitore che sta attraversando una separazione non dovrà chiedersi soltanto quanto abbiano sofferto i propri figli a causa del processo di separazione ma anche come lui stesso abbia accettato ed assimilato fino in fondo questo dato.
Per quanto scontato è bene ricordare che allontanarsi fisicamente non corrisponde ad allontanarsi emotivamente, è proprio questa componente, che a volte può richiedere uno sforzo enorme, la parte più difficile ed importante per la salvaguardia psicologica e relazionale dei genitori e dei loro bambini. Solo così, e non senza un reciproco impegno, una coppia che finisce può continuare la sua opera genitoriale e familiare.