Disturbi d’ansia: l’approccio sistemico

 

a84783dffef077a36d40ce206a650bfb

 

 

 

 

 

 

 

Ansia e attacchi di panico possono essere efficacemente affrontati attraverso la cornice sistemico relazionale, tale approccio fornisce importanti elementi sia dal punto di vista interpretativo che operativo
All’interno dell’ottica sistemico relazionale le manifestazioni ansiose possono dunque essere affrontate alla luce di diverse teorie e modelli di intervento:
Per esempio, secondo il principio del DOPPIO LEGAME nil sintomo ansioso potrebbe insorgere attraverso alcuni meccanismi di incongruenza nella comunicazione verbale e non verbale senza che vi sia la possibilità di meta comunicare su di essa.
L’incongruenza dei livelli verbale e non verbale, vissuti nella relazione, creerebbero una difficoltà nei processi logici che sottintendono i messaggi e quindi un’indecidibilità dei processi mentali, delle relazioni e dell’identità stessa.

Il doppio legame puà anche coinvolgere una dinamica a tre estrinsecandosi all’interno di un conflitto relazionale (agito per la maggior parte nella coppia) nel quale viene coinvolto una terza persona che diverrà il paziente designato (spesso un figlio).
Secondo la teoria sistemica dunque, a prescindere dalle specificità di ogni singola storia, è comunque essenziale ricondurre il problema all’interno di contesto, spesso di un così detto triangolo relazionale.
Si possono quindi definire ì le funzioni di un sistema attraverso i concetti di regole (cosa posso fare con chi e cosa posso aspettarmi da chi), gerarchie (chi decide cosa su chi), alleanze (chi decide cosa con chi).
All’interno del flusso comunicativo ed interattivo nel quale ognuno di noi è immerso ogni messaggio contiene un aspetto di definizione della relazione che connota la posizione  che i partecipanti occupano nel sistema e quindi di potere nella relazione.
La stabilità dell’identità personale viene legata alla stabilità delle regole, alla chiarezza e coerenza dei messaggi e alla gerarchia del sistema.
salute mentale e buona organizzazione vengono così a sovrapporsi…”Noi siamo il sistema che abbiamo introiettato!”.