Ansia e fobie: l’importanza dell’ipnosi

Ansieat the seaside e paure sono fenomeni assai frequenti che solitamente si presentano in specifici e critici momenti della vita: nella maggior parte dei casi si attivano per segnalarci un presunto pericolo, per evitare una situazione percepita come sfavorevole o per fronteggiare una situazione particolarmente difficile. In alcuni casi, tuttavia, si possono palesare anche in assenza di un reale pericolo o di un concreto problema. Talvolta invece si generalizzano estendendosi anche a situazioni che a cose normali non vengono vissute come insidiose. Proprio in questi casi, cioè quando il “vantaggio”difensivo di questi meccanismi viene a mancare , si può parlare di disturbi d’ansia o attacchi di panico non situazionali o generalizzati. In relazione al contesto o alla condizione che produce ansia o paura si parla di specifiche ansie e paure: ad esempio si parla di agorafobia quando ci si riferisce alla paura di affrontare spazi aperti, si parla di claustrofobia quando si ha paura degli spazi chiusi. Per “attacco di panico” si intende un periodo di paura improvviso di durata variabile che si presenta con diversi sintomi fisici (ad esempio tremore, respirazione superficiale, sudore, nausea, vertigini, iperventilazione, tachicardia, sensazione di soffocamento) ed una intensa paura di morire, impazzire o perdere il controllo.
Ormai da diversi anni differenti ricerche hanno valutato l’efficacia dell’ipnosi nel trattare l’ansia e disturbi quali attacchi di panico, paura di volare ed agorafobia. ) E’ ormai stato ampiamente mostrato come l’integrazione dell’ipnosi nelle classiche terapie, aumenti significativamente la possibilità di successo nel trattare gli stati d’ansia.In particolare le diverse tecniche di induzione ipnotica possono bene associarsi al più classico colloquio clinico per trattare l’ansia che può insorgere in seguito ad eventi traumatici oppure a situazioni che pur non essendo rischiose il paziente percepisce come tali .
Nelle condizioni di claustrofobia ed agorafobia il ricorso all’ipnosi, insieme ad una terapia classica si distingue spesso come un approccio particolarmente efficace.
Un’altra condizione particolarmente frequente e sgradita riguarda l’idea di trovarsi a bordo di un aereo: anche in questo caso l’ipnosi può rappresentare una metodica valida per sostenere le persone a superare la paura di volare in tempi relativamente brevi.